Misterbone

L’osteoporosi è una patologia molto diffusa, la più comune tra le malattie metaboliche dello scheletro. Si caratterizza per la riduzione della massa dell’osso o per il deterioramento della microarchitettura del suo tessuto, che comporta l’aumento della sua fragilità. Il quadro della malattia è quello di una progressiva riduzione della densità ossea (le ossa diventano più porose) con diminuzione della resistenza meccanica dei segmenti scheletrici, che diventano sempre più fragili, tanto da andare incontro a fratture spontanee anche in conseguenza di minimi traumi (salire una scala ripida, bruschi cambiamenti di posizione, eccessi di tosse). Ci si può ammalare anche a vent’anni, ma in genere l’osteoporosi si manifesta in età avanzata. Colpisce soprattutto le donne, in particolare il 25-40% oltre i 50 anni e circa il 70% oltre i 70, ma anche gli uomini ne sono bersaglio. Malgrado il suo manifestarsi quasi sempre nella terza età, gli specialisti ne parlano come di una malattia pediatrica, nel senso che la mancata adesione ad una dieta e a uno stile di vita sani durante l’infanzia e l’adolescenza, possono compromettere il perfetto e armonico sviluppo del nostro scheletro, aprendo le porte alla malattia durante la terza età: per combatterla nel modo più adeguato occorre quindi cominciare a prevenirla fin dall’infanzia. Una corretta alimentazione nell’infanzia assicura dunque la salute delle ossa in età adulta: è un assunto apparentemente semplice quello su cui si basa il programma di educazione alimentare “Crescere forti e sani con Mister Bone” sostenuto da FIRMO. Il suo simpatico testimonial “Signor Osso” ha già catturato l’attenzione di centinaia di bambini delle scuole elementari, indirizzandoli in un percorso divertente verso uno stile di vita e di alimentazione più sani. Più calcio, vitamina D e vita all’aria aperta, meno fastfood, bibite gassate e televisione. Obiettivo: insegnare ai bambini uno stile di vita che li aiuti a crescere sani e robusti, con ossa ben salde e forti, allontanando così gli spettri oggi dilaganti dell’osteoporosi e dell’obesità.